Imprese italiane, Servizi ecologici e impianti termotecnici

DATA CREAZIONE FORUM 07.04.2011
 
Previous page | 1 | Next page

AIUTO!!!! perdita pressione della caldaia a condensazione – motivo “introvabile”

Last Update: 5/28/2019 7:38 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 1
Post: 1
Registered in: 3/14/2019
Registered in: 3/14/2019
Location: ROMA
Gender: Male
Junior User
3/14/2019 9:28 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Un caro saluto a tutti,


sono Francesco da Roma, sto diventando matto da un paio di mesi quasi con un problema di abbassamento della pressione della mia caldaia a condensazione (marca UNICAL). Cerco di darvi più elementi possibili per esporvi la situazione nella speranza di ricevere qualche aiuto da parte di chi volesse 😃 :


Vivo in un condomino, piano terra, appartamento a due piani, piano rialzato e semiinterrato (sotto di me ho i garage), la pressione della caldaia, circa due mesi fa è iniziata a scendere arrivando a zero dopo 3-4 giorni dopo la ricarica (pressione di partenza 1,3 bar). Chiamo il tecnico per il controllo annuale e mi dice che il problema era il vaso di espansione che era scarico, lo carica e mi dice tutto ok, la caldaia sta bene. Tempo 3-4 giorni appunto e la caldaia torna a zero quasi, allora torna il tecnico fa i vari controlli, mi chiede di aprire uno sportello che ho nel muro a circa 1,5 m di distanza dalla caldaia dove ho la centralina dell’impianto di riscaldamento (con tutti i raccordi), dà una controllata e mi dice che c’è una giuntura tra due tubi che perde (pochissima acqua), stringe il raccordo e mi dice problema risolto (da questo momento in poi quella giuntura e asciuttissima). Ovviamente carico la caldaia e dopo due giorni (stavolta) pressione a zero, a questo punto inizio con i test per capire se c’è una perdita nell’impianto. Prima di tutto ricarico nuovamente l’impianto, chiudo le saracinesche di andata e ritorno della centralina posta sotto la caldaia, accendo i termosifoni (ho una casa a due piani in totale 6 termosifoni), nessun termosifone si accende…“ok se la pressione non scende ho una perdita nell’impianto dentro casa” penso, anche se non c’è traccia di acqua da nessuna parte. Tempo due giorni e la pressione si azzera, e allora penso “ok allora il problema non è dentro casa…meno male”….faccio tornare il tecnico che mi stacca la caldaia dall’impianto e mi mette i tappi, ricarica la caldaia, ricarica anche un pochino il vaso di espansione (dicendo che era scesa di pochi decimi di bar) e mi dice che se la pressione scende è un problema della caldaia (ovviamente direi!!)…bene la pressione rimane stabile per una settimana…allora faccio tornare il tecnico, verifica il vaso di espansione e dice che è ok, mi riattacca i due tubi dell’impianto alla caldaia…ricarica l’impianto e va via dicendo che non capisce il motivo (un’eventuale perdita in due mesi avrebbe portato qualcosa in evidenza su qualche parete secondo me). Ora io mi aspettavo che la pressione scendesse come sempre a zero in due giorni (una media di 0.6 bar al giorno), invece no!...la pressione sta scendendo ma più lentamente, praticamente alla metà della velocità.


Ora la casa è nuova, l’impianto avrà 4-5 anni, i tubi sono quelli in tipo in PVC con la copertura in gomma piuma (bianchi), dico a corredo di quanto scritto che almeno una volta l’anno facevo spurgare l’aria da un paio di termosifoni, perché non si riscaldavano bene, ma in questi mesi aprendo le valvole è uscita pochissima aria.


Io non riesco davvero a capire quale sia il problema, l’unica cosa che mi viene da pensare è aria nell’impianto oppure una perdita nei tubi che vanno dalla caldaia alla centralina (la caldaia si trova esternamente in uno sgabuzzino e la centralina con le saracinesche si trova in linea d’aria a 1,5 m sempre nello stesso sgabuzzino), ma credo che avrei dovuto vedere qualcosa in questo periodo …invece sembra tutto asciutto. Perdite dentro casa non credo avendo isolato l’impianto chiudendo le saracinesche e riscontrando comunque un abbassamento di pressione. Il vaso d’espansione era molto scarico la prima volta, ma poi il tecnico mi ha detto che era carco (l’ha solo ricaricato pochissimo una seconda volta)…non so proprio cosa fare e chiedo il vostro parere/aiuto se è possibile.


Sto anche pensando di chiamare un tecnico specializzato con una strumentazione di nuova generazione per verificare se ci siano perdite da qualche parte ma non riesco a capire il costo di questa cosa…se qualcuno di voi può aiutarmi in tal senso sarebbe cosa gradita.


Grazie di tutto in anticipo e scusate per il papiro….ma sto davvero diventando pazzo
OFFLINE
Post: 572
Post: 572
Registered in: 4/22/2013
Registered in: 4/22/2013
Location: COMISO
Age: 67
Gender: Male
Job/occupation: Lavoratore autonomo
Senior User
TECNICO MANUTENTORE IMPIANTISTA
5/28/2019 7:38 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

microperdita
Se é accertato che la microperdita e nell'impianto, e non e visiva, il problema si può risolvere, utilizzando un turafalle per impianti di riscaldamento. A produrlo sono in parecchi , Vedi Foridra o Facot.  il risultato e assicurato. ( Non ha senso spendere soldi in ricerca con apparecchiature sofisticate )

 Carmelo.54   Saluti
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 5:04 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com


"
15.07.2011
Sito d'argento
metric-conversions.org/it